“Le anime pure” di Elisa Mura, recensione a cura di Marilena Parrinello

Anime

 

Autore: Elisa Mura

Genere: Giallo/Gotico

Data pubblicazione: 30/12/2016

Ebook: Euro 5,49

Cartaceo: Euro 17,00

Numero di pagine: 326

Editore:  Youcanprint

 

Questo romanzo profuma di romanticismo ottocentesco e di fumante tè inglese.

Immaginate di poterli gustare entrambi,  su una comoda poltrona vicino ad un’ampia finestra con eleganti drappi che si aprono sopra una esuberante campagna vicino Londra, a fine ‘800, che è attraversata da un sentiero che si insinua tra alti alberi, verso un’elegante villa, in cui si racconta che si aggiri il fantasma inquietante di una donna assassinata.

Questa tenuta appartiene a Sebastian Ash, un giovane commerciante, sull’orlo del fallimento, incolpato dell’uccisione di sua moglie, fino a quando viene a galla un nuovo colpevole.

Ad un certo punto immaginate il pesante cancello di ferro battuto della villa che si apre facendovi entrare nella proprietà, nel momento in cui arriverà Edward Ferrant, in cerca di lavoro come domestico e dove sarà accolto a braccia aperte dal proprietario e dalla sua esile sorella malata Louise.

Edward è un uomo particolare, straordinariamente volenteroso, forte e flessibile, che riesce a sopravvivere all’immenso dolore per la perdita della moglie mantenendone vivo il ricordo, trattenendo a se alcuni oggetti che lei amava, riversando tutto il suo amore sull’unica figlia Adele e grazie alla passione che mette nel lavoro.

Questo personaggio “semplice” è colui che unisce, con un filo invisibile, tutti i personaggi presenti, senza un senso apparente fino alla fine di questa storia complessa e che vi invito a leggere.

Se volete scoprire come e perché non vi resta che prendere in mano il libro ed iniziare a leggerlo. L’unico consiglio che mi sento di darvi è di scegliervi un momento in cui, se iniziate la lettura, potete dedicarvi ad essa il più possibile perché sarà difficile staccarsene.

Questo libro affronta delitti che avvengono intorno alla tenuta degli Ash, apparizioni misteriose e sentimenti. Il sentimento più ricorrente è l’amore, che vi ritroverete a scoprire nei suoi diversi colori e nelle sue diverse sfumature: avrà il colore malinconico del servizio da te che amava la moglie di Edward, l’aspetto spettrale del fantasma di Charlotte che tormenta il marito, il bianco sterile della stanza delle bambole di Louise, oppure i colori delicati del figlio dei Brown che ama passare il suo tempo in alcune rovine vicino ad un fiume o, altro ancora, gli occhi scuri di Adele che fissano con passione quelli dell’affascinante Sebastian.

“Le anima pure” è una lettura leggera, scorrevole, in cui Elisa Mura, l’autrice, riesce a deliziarci anche attraverso le descrizioni incantevoli degli spazi in cui si svolgono le vicende, tant’è che a fine libro, penso di aver imparato a conoscere meglio la casa degli Ash della mia!

Elisa,  già al suo primo romanzo, è una scrittrice unica per la sua capacità di donare una leggerezza “da chiacchiere da salotto” alle sue descrizioni e soprattutto per la straordinaria maestria usata nella costruzione della trama molto elaborata del libro. Infatti, per fare un esempio, paragonerei il suo lavoro a quello di quegli artisti, che usando dei pannelli di legno, iniziano a fissarci sopra dei chiodi e successivamente, usano del filo che iniziano a tendere ed annodare intorno ad essi. Non riesci a capire cosa stanno facendo, fino a quando verso la fine, ti allontani e riconosci nell’insieme meravigliosi ritratti ricchi di espressione, ombre e particolari.

Un consiglio che darei alla scrittrice è di togliere l’ultimo capitolo. Fossi in lei lo sfrutterei per svilupparlo altrove.

Però questa è una mia opinione.

Se amate i gialli, le atmosfere gotiche e romantiche dell’800, leggete anche voi questo libro singolare e ditemi cosa ne pensate.

Non mi resta che augurarvi buona lettura!

 

L’autrice  

Elisa Mura nasce nel 1985 a Genova, dove vive attualmente. Si diploma come operatrice tecnico del turismo. Sin da piccola mostra una grande passione per il cinema e il teatro. Accanita lettrice predilige i fantasy e i manga. Oltre a “Le anime pure” (2016) pubblica i seguenti romanzi “ I sogni di Alice” e “Gli indesiderabili” entrambi nel 2017.

 

Marilena Parrinello

 

recensione

Autore dell'articolo: Marilena Parrinello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *