“Il marchio del serpente” di Alberto Chieppi, recensione a cura di Angy C. Argent

serpente

 

Autore: Alberto Chieppi

Genere: Fantasy

Data di pubblicazione: 10/05/2016

Ebook: Euro 2,99

Numero di pagine (copertina flessibile): 400

Editore: Self Publishing

 

 

OGGI PARLIAMO DI

Alberto Chieppi

 

Alberto Chieppi nasce a Vizzolo Predabissi nel 1981 e da sempre abita a Melegnano, a pochi chilometri da Milano.

È cresciuto in una famiglia che ha sempre stimolato la sua curiosità e sete di conoscenza nonostante il suo temperamento irrequieto e perennemente insoddisfatto. Affascinato da tutto ciò che è fantastico, misterioso e magico, decise di studiare Astrofisica attratto dalla meraviglia misteriosa dell’universo. Dopo il diploma al Liceo Scientifico si iscrisse all’università, laureandosi nel 2008 con una tesi sull’evoluzione delle galassie. Tuttavia, decise subito dopo la laurea di lasciare il mondo accademico e di cercare lavoro nell’industria, trovando occupazione presso un’azienda operante nel settore aerospaziale.

Nel 2010 si è sposato con Federica e da questa unione sono nati, nel 2012 e 2014, due meravigliosi bimbi: Andrea e Tommaso. Con loro, l’Autore, si diverte a inventare storie avventurose di mostri e draghi.

 

HO LETTO PER VOI

“Il marchio del serpente”

Il Marchio del Serpente è il suo primo romanzo, pubblicato nel maggio del 2016. Oggi, il romanzo è in attesa di prossima pubblicazione con la casa editrice Dark Zone.

 

TRAMA

Il racconto si svolge nel Reame Incantato, un luogo lontano dalla Terra e dagli esseri umani dove vivono rinchiuse tutte le creature magiche. I portali d’accesso sono controllati da guardie, nessuno può entrare o uscire a suo piacimento. Ci fu un tempo in cui questi esseri soprannaturali vissero fra i Sapiens e qualcuno, oggi, trama nell’oscurità per riconquistare la perduta libertà e aprire le porte del Reame. Una profezia deve avverarsi: l’arrivo di un ragazzo particolare che aiuterà il popolo del reame incantato in questo ambizioso progetto che vedrà scendere in campo i maghi e gli stregoni.

Maghi e stregoni. Due scuole, due ragazzi e i loro amici, due destini che si incrociano e un compito difficile da portare a termine.

Se a prima vista può sembrare il solito copione di Harry Potter, a causa di alcuni elementi similari, sappiate che non è così. È un romanzo ben strutturato; i personaggi hanno tutti un loro carattere e per questo la lettura, pur essendo corposa, è facile da seguire; colpi di scena e azione si susseguono avvincendo il lettore.

Ci sono strane sparizioni nelle due scuole di magia: dei ragazzi scompaiono e vengono ritrovati, dopo alcuni giorni, ignari di quanto sia loro accaduto; il Compendium Arcana, il più potente libro di incantesimi del reame sembra svanito nel nulla.

Esiste anche un mondo chiamato l’Aldilà dove vivono goblin, orchi, arpie, draghi e orrori di ogni genere imprigionati dai maghi in nome della loro sicurezza. Un globlin, esperto minatore, libera per caso un essere che lui definisce ‘lo spirito della montagna’: è uno dei più potenti stregoni che siano mai esistiti! Imprigionato nell’Aldilà dopo essere stato sconfitto dal suo acerrimo nemico non vede l’ora di liberarsi e vendicarsi.

La storia, però, inizia a Milano dove il giovane Sam vive da solo. La sua infanzia l’ha trascorsa in orfanotrofio, non ha mai saputo chi fossero i suoi genitori. Il ragazzo, inconsapevole di essere una pedina importante nel grande disegno del destino e, ancor di più, ignaro dell’esistenza di questo mondo soprannaturale, si trova coinvolto, suo malgrado, in qualcosa più grande di lui ma che potrebbe fare luce sul suo passato. Dei loschi individui cercano di rapirlo e una ragazza che lui pensava essere solo una sua vicina di casa lo salva e gli svela che, in realtà, lei lo stava proteggendo.

Da quel momento la vita di Sam cambia completamente: l’insospettabile vicina di casa gli rivela che è uno stregone e che solo lui può salvare il mondo del Reame Incantato. Un marchio a forma di serpente che il ragazzo ha sul braccio è la conferma che lui è il prescelto.  Sam decide di crederle, anche perché sulla Terra, ormai, lui non è più al sicuro: chi lo cercava lo ha individuato e lui non è in grado di difendersi. Inizia così la sua avventura in questo mondo fantastico. Conosce i membri di una Confraternita che stavano aspettando la sua venuta e che gli spiegano che solo lui può fare avverare la profezia e liberare il mondo incantato dalla tirannia del Cancelliere, l’uomo più potente del reame.

Sam inizia questa avventura prendendo coscienza della magia che era sopita in lui e addestrandosi alla scuola degli stregoni. Deve cambiare nome e taglio di capelli per non destare sospetti e non essere rintracciato dagli Spector, una specie di poliziotti al soldo del Cancelliere, che lo cercano in tutto il reame ed è proprio durante un addestramento piuttosto impegnativo, sia per i maghi che per gli stregoni, che gli Spector gli sono addosso e cercano di ucciderlo. In quel frangente Sam si scontra con Sirio, un giovane mago e figlio del Cancelliere. Sirio aiuta il giovane stregone a sfuggire alle grinfie degli Spector. Più avanti i due ragazzi si ritroveranno uno di fronte all’altro nel Torneo dei due Draghi dove devono sfidarsi a colpi di sortilegi ma… E qui non voglio svelare il colpo di scena finale! Vi invito a leggere questo bellissimo fantasy e spero che, come me, amerete: questo mondo incantato e i suoi protagonisti; le loro ricche avventure tra i corridoi delle scuole di magia più prestigiose; la sensibilità dei protagonisti e la loro amicizia.

 

Leggere sì/no

Sì, vi consiglio caldamente di leggere questo fantasy perché l’autore non ha lesinato sulla fantasia nel proporci questo romanzo dalla trama ricca ma supportata da una scrittura chiara e fluente e sottoposto a un editing attento.

Le avventure sono avvincenti, ben narrate, e vi appassionerete alle storie personali dei personaggi. Inoltre, la saga di Sam e Sirio continuerà con un secondo volume.

 

Angy C. Argent

Autore dell'articolo: Angy Argent

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *